Marilyn Monroe di nuovo testimonial per Chanel N° 5

«Cosa indossi a letto?..»..così rispondo «Chanel N° 5»
 
Così rispondeva Marilyn Monroe in un intervista del 1952 alla rivista Life, un’affermazione che solo qualche anno dopo ha totalmente cambiato l’immagine del brand Chanel e del suo N° 5, associato poi alla sua femminilità e sensualità.
Una frase, una risposta che è rimasta scalfita nella storia, intramontabile come lei, diva per eccellenza, capace di essere protagonista ancora oggi.
 
logo chanel n 5

Chanel N° 5 è uno dei più celebri profumi della storia voluto da Coco Chanel quando nel 1921 incaricò il chimico Ernest Beaux di realizzare profumo elaborato che durasse più di ogni altra fraganza allora realizzata, un profumo da donna dall’odore di donna.
Grazie ad una miscela di  80 ingredienti differenti tra essenze naturali e sintetiche, poco utilizzate nei profumi all’epoca, tra cui le aldeidi, essenza sintetica dal sapore di arancia, nasce un profumo tutto nuovo, gradevole e artificiale, con note di bergamotto, limone, ma anche gelsomino, rosa, mughetto e iris, sandalo, vaniglia e molte altre, un profumo particolare racchiuso in una semplice bottiglia da farmacia di vetro trasparente con una minimale etichetta bianca e nera. 
Per il suo nome si suppone che Coco lo abbia scelto dopo aver annusato la quinta boccetta di prova d’essenza, ma quando le fu chiesto lei sostenne che 5 per lei quello era un numero fortunato, avendo lanciato la sua collezione il 5 del quinto mese dell’anno.
Da allora Chanel N° 5 è un profumo che perdura nella storia, un classico intramontabile che anno dopo anno acquisisce fascino e valore, eletto come il profumo più sensuale al mondo.
bottoglia chanel n 5
Nel corso degli anni numerosi testimonial hanno rappresentato l’eleganza e la raffinatezza di questo profumo rivoluzionario, persino Brad Pitt, unico uomo a prestare la bellezza del suo volto per un profumo femminile.
Pensando a Chanel N° 5 è impossibile non associare il volto di Marilyn Monroe e la sua celebre risposta, protagonisti entrambi della locandina pubblicitaria del 1955. Ma c’è di più. 
Non so se in realtà per lei era una strategia mirata, se la sua è stata una risposta consapevole di quello che di lì in poi sarebbe accaduto oppure può essere semplicemente parte di quella ingenuità che ha contribuito a far sì che Marylin sia oggi e sempre una diva senza tempo. Dopo quell’affermazione il brand Chanel, prima associato all’immagine di una donna sobria e riservata, diventa simbolo della femminilità dell’epoca, cambiando il suo carico di valori, dirigendosi verso le donna come Marilyn, un po’ stupidina ma potente seduttrice che riusciva ad avere ogni uomo ai suoi piedi, una donna che mostra il suo corpo libera dai limiti dei pregiudizi comuni.

 

marylin monroe e chanel n 5

foto di Ed Feingersh – 1955

 
A dimostrare che Marilyn Monroe è una diva senza tempo, eternalmente legata a Chanel N° 5 è che sarà lei di nuovo lei la protagonista, nuovamente lei simbolo del profumo, seppur in una modo diverso da quel lontano 1955.
Esplorando nei suoi archivi la maison francese ha scoperto la registrazione di un intervista che nel 1960 George Belmont, allora caporedattore di Marie-Claire, ha fatto a Marylin durante la quale ha confermato la sua già celebre affermazione:

«Spesso mi fanno delle domande… Per esempio: Cosa indossa per andare a letto? Un pigiama? La parte sotto del pigiama? Una camicia da notte? 
Allora rispondo: CHANEL N°5 , perché è la verità! 
 Capisce, non voglio dire “nuda”. Ma è la verità.»
 
Dopo questa sensazionale scoperta l’azienda ha deciso di utilizzare l’iconica foto scattata da Ed Feingersh nel 1955 che immortala Marilyn con il flacone del N° 5 per la nuova campagna pubblicitaria di questo autunno.

marylin monroe e chanel n 5
 
Adoro Marilyn Monroe. Per me lei è l’unica diva degna di portare questo nome ed ho sempre voluto dedicare un articolo solo per lei. Magari presto ne dedicherò uno tutto per la sua vita.
Per il momento non posso essere che felice di parlarvi di questa unione tra lei e Chanel N° 5, due miti, intramontabili nel tempo, simboli entrambi di pura eleganza e femminilità.

Aspetto, come sempre, i vostri utili commenti.

*KiSsEsS*

 


Commenti

  1. Anonymous

    L’immagine della Gioconda e il volto di Marilyn sono due icone a valenza archetipa, che non a caso Andy Warhol colse e ripropose. Marilyn fonte di ispirazione per la Pop Star Madonna e per molteplici cantanti e attrici. Cfr. Ebook (amazon) di Ravecca Massimo: Tre uomini un volto: Gesù, Leonardo e Michelangelo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*