Madeinmedi 2014 – dèfilè internazionale

Il 7 Giugno 2014 presso il Teatro Antico di Taormina è andato in scena il dèfilè internazionale.

dèfilè internazionale - madeinmedi 2014 - Arzu Kaprol

Eccomi di nuovo qui con il mio racconto sul Madeinmedi 2014, il festival della moda e del design del mediterraneo che si è svolto nella splendida Taormina dal 2 all’8 Giugno 2014. Dopo avervi raccontato del dèfilè Harim oggi voglio parlarvi della seconda serata dedicata alla moda del 7 Giugno 2014. Durante il dèfilè internazionale hanno sfilato sia stilisti del mediterraneo già affermati e meravigliose collezioni di artisti internazionali. Vi racconto com’è andato il dèfilè internazionale.

logo madeinmedi

Se nella prima serata dedicata alla moda hanno sfilato le collezioni delle studentesse dell’Harim, l‘Accademia Euromediterranea che da 8 anni si occupa di realizzare un festival per valorizzare e affermare la formazione e i nuovi talenti nel settore moda del mediterraneo, la seconda serata è stata dedicata alla moda al di fuori dei nostri confini. Come di consueto al Madeinmedi, sulla passerella del Teatro Antico di Taormina si sono alternate le collezioni di stilisti affermati, sia italiani che stranieri, tutti provenienti dalle zone del mediterraneo. La formula è stata la stessa: un breve video introduttivo o un monologo per introdurre lo stilista e poi subito spazio agli abiti delle collezioni, che devo dire mi hanno colpito e stupito parecchio.

Ad iniziare la serata del dèfilè internazionale sono stati gli stilisti siciliani della Sood Generation. Per prima ha sfilato la collezione di Raffaella Rullini intitolata “Ninfea Sognando Monet”, una serie di abiti prêt-à-porter in cui la moda incontra l’arte grazie alle fantasie dipinte sugli abiti, tele dai colori accesi e sgargianti, ma anche al cappello da pittore che ogni modella indossa. Per la sua collezione Raffaella si è ispirata al grande impressionista francese Claude Monet.

dèfilè internazionale - madeinmedi 2014 - Raffaella Rullini

A seguire la stravagante collezione di Rosa Vetrano dal nome “Thumos”, abiti con il noe delle eroine greche a cui essa di ispira. Ogni pezzo è realizzato a mano con l’utilizzo di tessuti naturali e materiali riciclati. In questa collezione il design incontra la moda, gli abiti sono come delle sculture, a volte appariscenti, a volte minimaliste, a volte statiche, a volte dinamiche, dal colore bianco predominante, che simboleggia la nascita. Ogni creazione ha un preciso valore simbolico che si rispecchia nella lavorazione dei tessuti e delle forme. So che la maggior parte di questi non sono abiti portabili tutti i giorni ma di certo mi sono piaciuti parecchio.

dèfilè intenazionale - madeinmedi2014 - Rosa Vetrano

Ultima della Sood Generation la collezione “Sinfonia n°4” del giovanissimo Antonio Attisano, scomparso prematuramente nel 2010 all’età di 16 anni. La sua storia, raccontata con un monologo prima della passerella, mi ha colpito e incuriosito parecchio. Appassionato di moltissime cose, dopo la sua morte sono stati scoperti dei bozzetti dai quali sono nate le sue collezioni. La collezione presentata al Madeinmedi 2014 è bellissima e raffinata, dai toni del beige e del nero, per un gioco di trasparenze al massimo dell’eleganza.

dèfilè internazionale - madeinmedi 2014 - Antonio Attisano

Dopo questi splendidi abiti, ecco che inizia il vero e proprio dèfilè internazionale. A sfilare per prima è stata la collezione della designer tunisina Nabila Jlassi intitolata “Festival de la mode”. Gli abiti sono tipicamente tunisini, per lo più maschili, con colori vivaci e sgargianti. I ricami presenti impreziosiscono gli abiti dando loro estrema eleganza. Solo due abiti da donna fanno parte della collezione, emtrambi verdi, entrambi con ricami dorati, tipici della moda tunisina.
dèfilè internazionale - madeinmedi 2014 - nabila jlassi

A segiuire la collezione “Nostromo” della spagnola Leyre Valiente, giovanissima stilista che ha ottenuto moltissimi riconoscimenti nazionali e internazionali. La collezione presenta due tipi di creazioni, diverse tra loro, ma accoumati dalla stessa linea di deisgn. Inizialmente hanno sfilato abiti scultorei e minimalisti dai tessuti rigidi, con giochi di tagli e trasparenze, per uno stile più sporty. Poi, la sopresa, degli abiti lunghi e sensuali che avvolgono il corpo delle modelle per una eleganza estrema. Si, lei è sicuramente tra le soprese e le preferite della serata.

dèfilè internazionale - madeinmedi 2014 - Leyre Valiente

Dopo è stato il turno del brand Rujji Collection della stilista libica Raja El Rayes, che insieme alla Performance Coreutico Teatrale ha presentato la sua collezione attraverso il racconto della “Primavera Araba”. Gli abiti principali erano 4, anch’essi tipici della cultura araba grazie ai tessuti e ai ricami, accompagnati dal piccolo corpo di ballo, anch’esso vestito con le sue collezioni.


dèfilè internazionale - madeinmedi 2014 - Rujji Collection

Ultima passerella del dèfilè internazionale la mia preferita della serata in assoluto, “Digital Big Bang” del brand di moda internazionale Arzu Kaprol. Fondato ad Instabul, omonimo del stesso creatore, il brand è noto per il suo approccio unico nel design. La collezione presentata al Madeinmedi 2014 manifesta tutto il suo amore per la pelle e l’uso di materiali inusuali tra loro. Un susseguirsi di abiti lunghi e corti, eleganti, metallici, iperfemminili. Il miglior modo di concludere una sfilata con ogni singola creazione.

dèfilè internazionale - madeinmedi 2014 - Arzu Kaprol

Del Madeinmedi 2014 porto ancora tante emozioni che sono riaffiorate rivedendo queste splendide foto. Un evento magico, unico..un evento siciliano che mi rende orgogliosa di esserlo.
Le foto che vedete in questo articolo sono del mio accompagnatore della serata, Gianluca Santanocito, che non smetterò mai di ringraziare per la sua estrema dispobinilità e gentilezza. Date un occhio al suo portfolio, ne vale davvero la pena.

*KiSsEsS*

logo coolfashionstyleSeguimi su: facebook | twitter | instagram

photo credits: Gianluca Santanocito – ATTENZIONE!!! Queste immagini sono protette da copyright ©Gianluca Santanocito. Tutti i diritti sono riservati. Le immagini non devono essere utilizzate in nessun caso senza autorizzazione dell’autore.



Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*